CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Riflessione di Bruno Mitrugno, Garante provinciale dei diritti delle persone private della libertà personale

In carcere in questi giorni.

Arriva la Pasqua ma anche il Coronavirus nel Carcere di Brindisi. Ore drammatiche per il personale, detenuti e corpo di polizia penitenziaria .

 Occorrono pertanto tempestivi interventi in ordine:

  • al sovraffollamento carcerario,  210 detenuti  circa il doppio di detenuti della capienza prevista nel nostro Istituto di pena di 120 persone , in Italia  61.230  a fronte di una capienza regolamentare pari a 50.931 posti , un   grande numero di persone stipate in pochi metri quadri , dove viene meno anche la dignità e l’umanità delle persone detenute,  il personale sotto organico è costretto a lavorare in condizioni di pesante disagio e tensione. 
  • al diritto alla Salute senza restrizioni di sorta: prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione sono diritti di tutti i cittadini anche di quelli privati della libertà personale; all’interno degli Istituti penitenziari devono essere garantite le stesse misure anticontagio previste per le altre realtà, non solo le drastiche limitazioni imposte dal Ministero nei giorni scorsi, con la sospensione dei colloqui  con i propri cari e con l’esterno , cappellano compreso.

Recentemente la Conferenza dei Garanti delle persone private della libertà personale ha rivolto un appello urgente agli Organi Istituzionali dello Stato per chiedere interventi deflattivi della popolazione detenuta che consentano la domiciliazione dei condannati alla fine della pena e la prevenzione e l’assistenza necessaria a quanti debbano restare in carcere. Occorre garantire il necessario distanziamento sociale richiesto a tutta la popolazione per la prevenzione della circolazione del virus, misure di rapida applicazione, che portino la popolazione detenuta al di sotto della capienza regolamentare effettivamente disponibile.  L’art.27 della nostra Costituzione recita tra l’altro: “l’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva, le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato”.

Ossessionati da problemi della sicurezza sociale, spesso siamo tentati da una giustizia vendicativa più che educativa e riabilitativa.

          Richiamare l’attenzione sulle persone detenute non significa ignorare le lacerazioni che le loro devianze hanno provocato nella vita individuale delle vittime e nel tessuto sociale, ma i fossati creati dalle aberrazioni vanno colmati con percorsi di recupero dei valori di convivenza civili alternativi a quelli che hanno determinato la perdita della libertà. 

Concludo con una citazione di Papa Francesco “Le carceri abbiano sempre una finestra e un orizzonte, anche quando la pena è perpetua. Nessuno può cambiare la propria vita, se non vede un orizzonte”.

Bruno Mitrugno

Garante Provinciale delle persone private della libertà personale.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Servizio di Integrazione Scolastica a distanza per Disabili. Le richieste entro giovedì 9 aprile 2020

La Provincia di Brindisi, in collaborazione con SOCIOCULTURALE,  ai sensi dell'art 48 del D. L. 17 marzo 2020, n. 18, e della Direttiva della Regione Puglia del 27 marzo 2020, considerato il protrarsi dell'attuale situazione di emergenza e di chiusura degli Istituti Scolastici, intende attivare, entro la prossima settimana, un Servizio Sperimentale  per l'inclusione a distanza, on-line, destinato ai ragazzi con disabilità.

Le famiglie interessate potranno farne richiesta compilando il modulo da scaricare dal sito www.provincia.brindisi.it e inviandolo, via email, entro giovedì 9 aprile 2020, ai seguenti indirizzi di posta elettronica:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gli Educatori potranno impiegare il monte ore già assegnato per lavorare "via web" con i ragazzi, secondo una programmazione oraria settimanale concordata con le famiglie.  Gli Assistenti alla Comunicazione si avvarranno per l’erogazione del Servizio delle rispettive piattaforme per la didattica a distanza utilizzate dalle Scuole degli utenti, per le quali è stato già previsto l’accesso, dotando educatori ed assistenti delle relative credenziali. Questo tipo di approccio è mirato a molteplici obiettivi, sia a favore degli studenti che delle rispettive famiglie: vincere il senso di isolamento e di perdita dei punti di riferimento, responsabilizzare i comportamenti, anche igienico-sanitari, sviluppare l’autonomia personale e didattica degli studenti con disabilità, coinvolgere e supportare i genitori nel processo educativo che, attualmente, avviene esclusivamente nel contesto domestico. L’intervento si attua attraverso l’incremento delle abilità nella gestione quotidiana e delle capacità di problem-solving, in modo da ridurre il livello di stress genitoriale e familiare.

Moduli richiesta intervento a distanza >>>

Emergenza epidemiologica, continua l’attività del nucleo di Polizia Locale dell’Amministrazione Provinciale di Brindisi

Continua l’attività del nucleo di Polizia Locale dell’Amministrazione Provinciale di Brindisi finalizzata a far rispettare le prescrizioni previste dalla normativa vigente e volta a contrastare e contenere l’emergenza epidemiologica.

Nella settimana che va dal 30 marzo al 03 aprile scorso, Il nucleo di Polizia Locale della Provincia di Brindisi oltre a svolgere il normale servizio istituzionale, si è recato in tutti i comuni della Provincia di Brindisi.

La settimana di lavoro è iniziata all’insegna della solidarietà, pertanto, i componenti del nucleo di Polizia Provinciale hanno provveduto a consegnare generi di prima necessità ad una famiglia in difficoltà.

In particolare nei centri urbani si è proceduto a verificare il corretto adempimento di quanto prescritto dai vari DPCM in relazione alla chiusura degli esercizi commerciali presenti su tutto il territorio provinciale oltre a richiamare all’osservanza rigorosa del distanziamento sociale i cittadini in fila all’esterno di uffici postali, farmacie e supermercati.

Anche in quest’arco temporale è stata posta maggiore sulle marine dei comuni della provincia. È stata pattugliata tutta la costa che va da Lendinuso (marina di Torchiarolo) fino a Savelletri (Marina di Fasano).

Particolare attenzione sarà riservata, in questa settimana e all’inizio della prossima, sul monitoraggio di marine e seconde case per impedire che il periodo pasquale favorisca uscite e gite assolutamente da evitare in questo momento, anche ricorrendo a sanzioni molto elevate nel caso.

Pertanto si è proceduto a fermare i cittadini e verificare veridicità della corretta autocertificazione prodotta.

Lunedì 30 marzo al via il Progetto di Integrazione Scolastica a distanza per Disabili (audiolesi e videolesi)

Lunedì 30 marzo partirà il progetto di Integrazione scolastica a distanza per disabili, in particolare per audiolesi e videolesi, promosso e implementato nei vari e specifici percorsi didattici dalla Provincia di Brindisi e dalla Cooperativa SOCIOCULTURALE. Questa nuova metodica nasce per dare continuità, con modalità di intervento differenziate, alla didattica personalizzata messa in atto dalle scuole, in seguito alla sospensione delle attività didattiche tradizionali, così come disposto dal DPCM del 4 marzo 2020, in tema di emergenza sanitaria per il contenimento del contagio da CoVid 19.

Sono 49 le famiglie che hanno chiesto il servizio proposto attraverso gli Assistenti alla comunicazione formati e specializzati e che da lunedì, come detto, sarà avviato on line in via sperimentale. Ci si avvarrà per l’erogazione del Servizio delle rispettive piattaforme per la didattica a distanza utilizzate dalle Scuole degli utenti, per le quali è stato già previsto l’accesso, dotando educatori ed assistenti delle relative credenziali.

“La piena collaborazione tra la Provincia di Brindisi, la Socioculturale, le famiglie e gli operatori  - ha detto Valentina Nadia Fanigliulo, consigliera provinciale delegata ai Servizi sciali - continua a dare dei risultati eccezionali per l'offerta formativa dei ragazzi diversamente abili. Infatti il progetto sperimentale di didattica a distanza per gli studenti audiolesi e videolesi voluto proprio dall'Amministrazione provinciale e dalla cooperativa Socioculturale rappresenta un passo importante di sostegno ai nostri ragazzi diversamente abili. Questo momento è difficile per tutti ma soprattutto per coloro che affrontano la quotidianità con maggiori ‘ostacoli’. Sono convinta che questo progetto possa contribuire ad alleggerire i riflessi psicologici che l'isolamento, necessario per bloccare il contagio da coronavirus, può causare in tanti di noi e soprattutto nei più fragili. La possibilità di far ritornare una certa consuetudine tra i ragazzi con ridotte capacità sensoriali mediante lezioni scolastiche a tutti gli effetti, seppur con modalità a distanza, può risultare un'ottima occasione per una innovativa forma di integrazione scolastica. Perciò auspico che questa esperienza possa consolidarsi e perfezionarsi sempre più affinché nel prossimo futuro, quando questo momento difficile sarà passato, la modalità di lezioni a distanza possa diventare un ulteriore rafforzamento dell'offerta dell'integrazione scolastica in generale”.

Il Presidente Riccardo Rossi designa Bruno Mitrugno come il “Garante per i diritti delle persone private della libertà personale della Provincia di Brindisi”

Il Presidente della Provincia di Brindisi, Riccardo Rossi, con Decreto Presidenziale n.15 del 10 marzo 2020, ha designato il sig. Bruno Mitrugno, ex direttore della Caritas diocesana di Brindisi e Ostuni, quale “Garante per i diritti delle persone private della libertà personale della Provincia di Brindisi”. Tale incarico è svolto in forma del tutto gratuita; per la scelta della persona il Presidente ha tenuto conto sia dei curricula sia  delle  motivazioni presentate da ciascun candidato.

L’istituzione della figura del Garante è stata fortemente voluta dal Consiglio Provinciale che l’ha prevista su input del Garante regionale dei detenuti; la funzione è normata dallo specifico Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 21 dell’8 agosto 2019.

Il provvedimento voluto dal presidente Riccardo Rossi e dall’intera struttura dell’Ente di via De Leo assume oggi, tra gli altri, un valore ancora più pregnante e necessario, all’interno delle varie strutture deputate, come il Carcere, il centro per gli immigrati o la Residenza per le Misure di Sicurezza (REMS) di Carovigno, alla luce anche dell’emergenza sanitaria che in questi giorni stiamo tutti vivendo, in condizioni tuttavia molto differenti rispetto ai detenuti, per la diffusione del contagio da CoVid 19, in cui la privazione della libertà si aggiunge alle limitazioni che ogni cittadino o familiare del detenuto sta riscontrando. L’attenzione, in questo periodo, da parte della Provincia di Brindisi è, pertanto, anche riposta a far sì che si possa affrontare al meglio l’impatto che il diffondersi dell’epidemia potrebbe avere sulla sicurezza di ogni persona costretta in quelle strutture perché privata, per un periodo di vita circoscritto, della propria libertà.

Il Garante, in sostanza, avrà in generale il compito di individuare, attraverso un monitoraggio periodico e costante nelle varie strutture di privazione della libertà (carcere, Rems, centri per gli immigrati, luoghi di Polizia) eventuali criticità di carattere globale, trovando soluzioni condivise con le autorità competenti per risolverle, al fine di prevenire qualsiasi situazione di possibile trattamento contrario alla dignità delle persone.

La scelta da parte di Rossi di una personalità quale quella di Bruno Mitrugno, noto in città per il suo forte impegno a favore degli ultimi e di coloro che vivono condizioni di estrema marginalità sociale ed economica, è il segno tangibile di una sensibilità e di un’attenzione che troverà terreno fertile di attività a favore di coloro che vivono restrizioni di libertà, per ogni possibile opportunità di recupero e di reinserimento.

Progetto di Integrazione Scolastica a distanza per Disabili (audiolesi e videolesi)

A seguito della sospensione delle attività didattiche, così come disposto dal DPCM del 4 marzo 2020, in tema di emergenza sanitaria, anche la Provincia di Brindisi e la Cooperativa SOCIOCULTURALE, da sempre attenti al raggiungimento della massima integrazione scolastica possibile e in linea con l’adozione di tutte le misure e le norme atte allo scopo, propongono agli utenti interessati a questo progetto una rimodulazione dei Servizi di Integrazione Scolastica per disabili, in particolare audiolesi e videolesi, introducendo, come strumento didattico, la modalità “a distanza”. Nel rispetto delle norme, tra le altre, di quanto indicato del DPCM a riguardo delle specifiche esigenze degli studenti con disabilità.

 

Questa nuova metodica nasce per dare continuità, con modalità di intervento differenziate, alla didattica personalizzata messa in atto dalle scuole. Attraverso il rapporto di collaborazione con il personale docente e, in particolar modo, con i docenti di sostegno, gli assistenti alla comunicazione agiscono per calibrare la proposta didattica alle esigenze formative degli alunni con disabilità, per supportare il loro accesso ai materiali messi a disposizione dalle Scuole, lavorando anche sulla motivazione dei ragazzi. In tal modo, si dà la possibilità agli studenti con disabilità, aspetto senza dubbio prioritario in questo contesto, di mantenere le relazioni sociali sia con i pari che con gli assistenti alla comunicazione, creando un ponte tra la Scuola, l’alunno e la famiglia, e soprattutto dando supporto emotivo, partendo dagli obiettivi individuati dal Piano di Intervento Educativo Personalizzato, favorendo anche occasioni di interazione ludica.

Questo tipo di approccio è mirato a molteplici obiettivi, sia a favore degli studenti che delle rispettive famiglie: vincere il senso di isolamento e di perdita dei punti di riferimento, responsabilizzare i comportamenti, anche igienico-sanitari, sviluppare l’autonomia personale e didattica degli studenti con disabilità, coinvolgere e supportare i genitori nel processo educativo che, attualmente, avviene esclusivamente nel contesto domestico. L’intervento si attua attraverso l’incremento delle abilità nella gestione quotidiana e delle capacità di problem-solving, in modo da ridurre il livello di stress genitoriale e familiare.

 

Il Servizio, che è a richiesta da parte degli utenti, può essere fornito dall’Assistente alla Comunicazione per lo stesso monte ore settimanale già stabilito in sede di nomina. Tale monte ore viene utilizzato sia per la predisposizione di apposito materiale didattico, adattato alle esigenze dello specifico utente e alla modalità on line, che per l’individuazione della metodologia più adatta al quadro complessivo del proprio utente, avendo cura di proporre, come primo step comunicativo e didattico, l’ascolto empatico per la gestione delle emozioni.

Gli Assistenti alla Comunicazione si avvalgono per l’erogazione del Servizio delle rispettive piattaforme per la didattica a distanza utilizzate dalle Scuole degli utenti, per le quali è stato già previsto l’accesso, dotando educatori ed assistenti delle relative credenziali:

Skype: strumento gratuito che permette di comunicare con gli altri utenti tramite chat e chiamate audio e video

Zoom: app gratuita che consente di realizzare videochiamate tra più utenti

Tutti i mezzi di comunicazione “informali” che rientrano facilmente nella disponibilità degli utenti e dei loro familiari: chiamate telefoniche, videochiamate , sms, whatsapp, messanger  e strumenti social 

Piattaforma di Socioculturale “Vedere-Sentire” che offre un ricchissimo archivio di materiale educativo per la disabilità sensoriale in formato elettronico  

Piattaforma Dida-Labs che è offerta gratuitamente da Erickson, ambiente on line per la didattica a distanza rivolto in particolare agli studenti con bisogni educativi speciali

Piattaforma Mondadori Education: archivio di contenuti digitali per la didattica a distanza

Avvio procedura nomina di n.1 Sindaco effettivo, n rappresentanza della Provincia, nel collegio dei sindaci della STP di Brindisi

La Provincia di Brindisi, attraverso la Determinazione dirigenziale n.162 del 19 marzo 2020, rende noto di aver approvato l’Avviso pubblico e il fac simile di domanda di candidatura per l’attivazione della procedura per l’acquisizione di istanze concernenti la nomina, su designazione della Provincia di Brindisi, di n. 1 Sindaco effettivo in rappresentanza del socio Provincia di Brindisi, in seno al Collegio dei Sindaci della “Società Trasporti Pubblici” S.p.A. (S.T.P.) di Brindisi, per i prossimi tre esercizi 2020/2022.

Nella designazione della persona da nominare saranno considerati i requisiti di moralità pubblica, competenza e professionalità con riferimento all’ente cui il ruolo da conferire si riferisce. Nella nomina del collegio dei revisori l’Assemblea dei Soci terrà conto del rispetto delle norme in tema di parità di genere; I rappresentanti della Provincia presso enti, aziende, istituzioni, consorzi, fondazioni e società devono essere in possesso di una comprovata competenza per attività di studio e/o professionali compiute e/o specifiche esperienze maturate in materia.

Possono essere designati per la nominati tutti i cittadini e cittadine di uno degli Stati dell’U.E. che abbiano i requisiti per la elezione a consigliere/a comunale nonché:

  1. coloro che sono in possesso dei requisiti di idoneità a mente dell’art. 2382 del cc.;
  2. coloro che sono in possesso dei requisiti di indipendenza ed onorabilità a mente dell’art. 2399 del c.c.
  3. coloro che, oltre ai titoli di studio prescritti risultano in possesso dell’iscrizione nel registro unico dei revisori legali e delle società di revisione gestito dal Ministero dell’Economia delle Finanze.
  4. coloro che non versano in situazione alcuna di conflitto d’interesse anche potenziale, di interessi propri, del coniuge, di conviventi, di parenti, di affini entro il terzo grado, rispetto alla Provincia e rispetto all’ente e organismo cui la nomina si riferisce: ALLEGATO “1” alla D.D. n. 162 del 19.03.2020

Ciascun/a cittadino/a interessato/a, può presentare specifica istanza e la candidatura sarà adeguatamente valutata. La documentazione richiesta deve essere allegata alla dichiarazione di disponibilità che deve pervenire alla Provincia di Brindisi nel termine perentorio indicato dall’avviso.

 La domanda di candidatura per la designazione e la nomina a Sindaco effettivo in seno al Collegio dei Sindaci della Società Trasporti Pubblici S.p.A. di Brindisi, deve essere indirizzata al Presidente della Provincia, Ing. Riccardo Rossi, (Via A. De Leo, 3 – 72100 Brindisi). La domanda di candidatura dovrà pervenire alla Provincia di Brindisi entro e non oltre il 20 aprile 2020. Le domande di partecipazione all’Avviso, redatte su carta semplice secondo il fac simile da scaricare sul sito www.provincia.brindisi.it, ed indirizzate al Presidente della Provincia, devono essere inoltrate esclusivamente:

  • per mezzo di PEC, alla casella di posta elettronica certificata alla Provincia di Brindisi: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Per la validità dell’invio informatico il/la candidato/a dovrà utilizzare a propria volta una casella elettronica certificata. L’indirizzo della casella PEC del mittente deve essere obbligatoriamente riconducibile, univocamente, all’aspirante candidato/a. L’invio della domanda e dei relativi allegati, deve essere effettuato, in forma PDF, tramite l’utilizzo della posta elettronica certificata tradizionale (PEC) intestata al candidato/a salvo che la firma sui documenti non sia digitale del candidato/a. Farà fede la data di accettazione della pec da parte del sistema informatico.

A tal fine, sono consentite le seguenti modalità di predisposizione del/i file PDF da inviare: 1) tramite la PEC: sottoscrizione con firma digitale del candidato, con certificato rilasciato da un certificatore accreditato; oppure 2) tramite la PEC intestata al candidato: sottoscrizione con firma autografa del candidato + scansione (compresa scansione di un valido documento di identità).


Il termine per la presentazione delle domande è perentorio. Pertanto, non saranno ammessi alla procedura i candidati e le candidate le cui domande perverranno dopo il termine stabilito. L’Amministrazione provinciale declina ogni responsabilità per eventuale smarrimento della domanda o dei documenti spediti per la dispersione di comunicazioni dipendenti dalla inesatta indicazione del recapito da parte del candidato/a o per la mancata, oppure tardiva, comunicazione di cambiamento dell’indirizzo indicato nella domanda o per eventuali disguidi tecnici/informatici non imputabili a colpa dell’Amministrazione stessa.

Il Presidente, nella sua qualità di socio della Società, ai fini della designazione, terrà conto del curriculum professionale e dei titoli presentati, in relazione all'incarico che il/la nominato/a dovrà ricoprire. La stessa nomina non potrà essere conferita allo stesso soggetto per più di due volte. I sindaci nominati restano in carica per tre esercizi. Il collegio svolge funzioni di controllo e vigilanza; nell’espletamento del mandato, non risponde al socio che lo ha nominato, ma espleta il mandato nell’ assoluta osservanza delle norme civilistiche e speciali vigenti in tema di società per azioni, e la legislazione speciale delle società a capitale pubblico.

Per tutte le informazioni necessarie e per visionare il bando e caricare il facsimile della domanda, consultare il sito www.provincia.brindisi.it

Avvio procedura V.I.A. Canadian solar Construction Progetto Apulia_Lotto 2A

avvisologog.jpg 

Avvio procedura V.I.A. Canadian solar Construction –Valutazione di Impatto Ambientale relativa al progetto Realizzazione di un impianto di 67,83 MWp denominato Progetto Apulia_Lotto 2A

Avviso (Documento pdf.pdf)

 

 

 

 

 

Proroga autocertificazione Impianti termici

A seguito delle richieste pervenute dalle associazioni di categoria degli installatori/manutentori di proroga dei termini per la presentazione delle autocertificazioni degli impianti termici ed altri impianti di climatizzazione relativi all’attuale campagna 2018-2019, con scadenza 31 marzo p.v. e, in considerazione dello stato di emergenza sanitaria nazionale dichiarato dal Governo, la Provincia di Brindisi comunica che il termine per la presentazione delle autocertificazioni è differito al 30 aprile 2020, salvo eventuale ulteriore proroga, al fine di consentire ai tecnici manutentori la copertura totale degli utenti titolari/responsabili degli impianti.