Articolo: Decreto Pagamenti: dalle Province pagati oltre 737 milioni di euro di fatture Saitta “Siamo un’eccellenza: continueremo a lavorare nonostante il Governo”

Nella file allegato la tabella con l’elenco delle 59 Province che hanno pagato oltre il 70% dei pagamenti alle imprese: gli spazi di pagamento concessi
loro dal decreto e la percentuale del già pagato al 9 luglio. ( .pdf) >>>

Piano Annuale per la Trasparenza e l’Integrità

La Provincia di Brindisi presenterà il 06 febbraio 2013, alle ore 10.30, presso il Salone di Rappresentanza, il “Piano Annuale per la Trasparenza e l’Integrità”, strumento essenziale per rendere visibile e valutabile l’attività dell’Ente da parte dei cittadini. (acrobatr_ico.gif .pdf) >>>

Procedimenti in materia ambientale

In data 21 e 22 gennaio scorsi la Provincia di Brindisi, a seguito del pronunciamento del TAR di Lecce, che ha riconosciuto in capo alla stessa la competenza per il rilascio dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.), ha dato avvio ai procedimenti relativi alle istanze presentate dal Consorzio ASI per il rilascio di detta Autorizzazione riguardante la Piattaforma Polifunzionale ubicata nella zona industriale di Brindisi e costituita da un impianto di incenerimento dei rifiuti industriali speciali pericolosi, un impianto per il trattamento acque reflue industriali ed un impianto per il trattamento dei fanghi derivanti dai reflui civili. E' stato, inoltre, avviato il procedimento, previsto dalla normativa in materia, relativo all'istanza di Autorizzazione per l'ampliamento della discarica di rifiuti pericolosi, ubicata anche essa nella zona industriale del Comune di Brindisi.

Sempre in materia ambientale, a seguito della nota indirizzata dal Commissario Straordinario della Provincia di Brindisi, Cesare Castelli, al Ministro per l’Ambiente, Corrado Clini, lo scorso 19 dicembre, il Direttore Generale del Ministero dell'Ambiente ha convocato, per il prossimo 1° febbraio, la Provincia, il Comune, l'Autorità Portuale di Brindisi e la Regione Puglia per discutere sulle importanti e delicate tematiche pendenti, ormai da molti anni, in materia di bonifica del sito inquinato di Brindisi.

In particolare, l'incontro presso quel Ministero, come richiesto nella stessa nota commissariale, toccherà le problematiche relative alla bonifica della falda, alla messa in sicurezza della discarica adiacente lo stabilimento petrolchimico - dove sono stati smaltiti, senza le necessarie e dovute attenzioni per l'ambiente, un assai cospicuo numero di metri cubi di rifiuti industriali - alla definizione di procedure rapide e certe per consentire la realizzazione di piccoli interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria e messa in sicurezza degli impianti e delle reti tecnologiche, all'utilizzo dei finanziamenti a suo tempo stanziati.

 

Brindisi 23, gennaio, 2013

Avvio anno scolastico 2020-2021. Incontro tra Provincia, Società Trasporti Pubblici locale e Dirigenti scolastici degli Istituti superiori del territorio

         Si è svolto questa mattina, presso il Salone di Rappresentanza della Provincia di Brindisi, un ulteriore incontro tra la struttura amministrativa dell’Ente, che ha competenza per le Scuole secondarie di Secondo grado del territorio, i vari Dirigenti scolastici degli istituti superiori e la dirigenza della Società Trasporti Pubblici locale. Scopo della riunione è stato quello di fare il punto dello stato dell’arte in merito alla pianificazione e alla programmazione step by step del servizio di trasporto degli studenti, raccogliendo altre indicazioni dai dirigenti scolastici in merito all’orario di entrata e di uscita degli studenti e alla durata delle lezioni dei singoli istituti, in virtù dell’emergenza sanitaria da Covid 19 ancora in atto.

         “Da qualche giorno – ha detto il presidente della Provincia di Brindisi, Riccardo Rossi - sono state rese note le linee guida emanate dal Governo in merito all’organizzazione del servizio di trasporto degli studenti, prevedendo l’’80% della capienza di ogni singolo autobus. Partendo da questo dato dobbiamo trovare, in accordo tra i soggetti interessati, le migliori condizioni e le più idonee soluzioni in merito al trasporto degli studenti nelle varie scuole del nostro territorio. Tutti in Dirigenti scolastici si sono dimostrati favorevoli nel differenziare gli orari di ingresso con una percentuale di studenti alle ore 8.00 e la parte rimanente alle ore 9.00. Uguale differenziazione ci sarà per gli orari di uscita. C’è inoltre una parte della scuola che si sta organizzando con la didattica a distanza per circa il 15-20% dell’utenza, ovviamente a rotazione. Metteremo insieme tutti questi dati per stilare una pianificazione quanto più efficace possibile per garantire già dal 24 settembre una mobilità efficiente per il trasporto locale degli studenti”.

         All’incontro era anche presente la consigliera provinciale delegata, Valentina Nadia Fanigliulo. “Pur nella complessità oggettiva del momento - ha detto la consigliera Fanigliulo – la Provincia di Brindisi e tutti i soggetti interessati si stanno adoperando al massimo per venire incontro ad ogni tipo di esigenza. Auspico che si arrivi presto ad una soluzione congiunta e celere e ho notato, proprio per questo, che c’è collaborazione da parte di tutti per mettere sul tavolo delle soluzioni in grado di garantire la sicurezza tutti i ragazzi”.

Nei prossimi giorni sarà convocato un altro incontro per raccogliere le indicazioni definitive sia da parte dei Dirigenti scolastici che da parte delle Aziende dei trasporti pubblici locali, STP e Sud Est, in merito alla differenziazione delle fasce orarie di partenza degli autobus.

Mostra fasanese dell’Artigianato. La Provincia di Brindisi presente al Convegno su “Artigianato nell’era Covid 19. Realtà e prospettive”

Il Presidente della Provincia di Brindisi, Riccardo Rossi, e il vicepresidente Giuseppe Pace parteciperanno venerdì 21 agosto al convegno su “Artigianato nell’era Covid 19. Realtà e prospettive”, in programma alle ore 18.30 presso il Palazzo dei Congressi della Selva di Fasano. L’evento si inserisce nell’ambito della “Mostra fasanese dell’artigianato” organizzata dal Comune di Fasano e giunta quest’anno al prestigioso traguardo della cinquantesima edizione.

Il programma del convegno prevede l’introduzione di Giuseppe Pace, vicepresidente della Provincia e consigliere comunale di Fasano, che focalizzerà le tematiche principali dell’incontro, partendo dallo stato dell’arte dell’artigianato in Puglia, un segmento importante e trainante dell’economia locale, in particolare nel territorio di Brindisi, per poi analizzarne gli elementi di forza da cui ripartire nell’era post Covid 19. “D’altra parte – ha dichiarato Pace – abbiamo la precisa volontà di creare una rete quanto mai necessaria per valorizzare le imprese artigiane dell'intero territorio provinciale. Non a caso questa mostra dalle antiche e gloriose origini nota col nome di ‘Mostra dell'artigianato Fasanese’, per scelta dell’attuale amministrazione comunale, da qualche anno ha preso il nome di ‘Mostra fasanese dell'artigianato’. L'obiettivo  è il coinvolgimento di altre realtà produttive in un percorso di crescita comune. In tal senso si inserisce l'impegno della Provincia di Brindisi, che, nonostante questa lunga fase di incertezza istituzionale, non può e non deve rinunciare al proprio ruolo di coordinamento e promozione dello sviluppo”. 

A seguire, il palinsesto della manifestazione prevede i saluti istituzionali del presidente della Provincia, Riccardo Rossi, del sindaco di Fasano, Francesco Zaccaria, dell’assessore alle Attività produttive del Comune di Fasano, Luana Amati, e di Alfonso Belfiore, presidente dell’associazione “U’Méstre”.

Interverranno poi Pietro Pugliese, coordinatore organismo paritetico dell’artigianato pugliese, che relazionerà su “Il protocollo Covid e gli ammortizzatori sociali nel settore dell’artigianato”, Michele Carriero, per la CNA Servizi Brindisi srl, che relazionerà su “Strumenti agevolativi per combattere la crisi dell’artigianato. Gli interventi minori”, e l’architetto Antonello Carrieri che parlerà su “Dai distretti produttivi alle reti di impresa”.

Le conclusioni saranno affidate a Domenico Laforgia, direttore del Dipartimento sviluppo economico, Innovazione, Formazione e Lavoro della Regione Puglia, e fabiano Amati, Consigliere regionale e presidente della Commissione regionale Bilancio.

 

Proroga presentazione autocertificazione impianti termici

A seguito delle richieste pervenute dalle associazioni di categoria degli installatori/manutentori riferite alla proroga dei termini per la presentazione delle autocertificazioni degli impianti termici ed altri impianti di climatizzazione relativi all’attuale campagna 2018-2019 con scadenza il 31 Luglio p.v. e, in considerazione dello stato di emergenza sanitaria nazionale dichiarato dal Governo, la Provincia di Brindisi comunica che il termine per la presentazione delle autocertificazioni è differito al 31 Ottobre 2020, al fine di consentire ai tecnici manutentori la copertura totale degli utenti titolari/responsabili degli impianti.

Brindisi, 31 luglio 2020

Mercato del Lavoro. Sottoscritto a Bari l’accordo tra Provincia di Brindisi e ARPAL per centri impiego del territorio provinciale

Sottoscritto nel pomeriggio, a Bari, l’accordo tra Arpal, l’Agenzia regionale per le politiche attive del lavoro, e la Provincia di Brindisi per il potenziamento dei centri impiego del territorio provinciale. Presenti il presidente della Provincia di Brindisi, Riccardo Rossi, il Commissario dell’ARPAL, Massimo Cassano, e il presidente della task force regionale per il Mercato del Lavoro, Leo Caroli. Hanno partecipato in videoconferenza anche il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e le organizzazioni sindacali. Lo schema di accordo di collaborazione prevede la gestione dei Centri per l’Impiego della provincia di Brindisi, mediante affidamento diretto delle attività, alla Società in house Santa Teresa S.p.A, attraverso risorse finanziarie del bilancio Arpal.

Negli ultimi dodici anni, per sopperire alla carenza di personale, i servizi di assistenza tecnica ed amministrativa dei Centri per l’Impiego della Provincia di Brindisi sono stati svolti dal personale in carico alla stessa Società Santa Teresa SPA. Il tutto sino al 30 giugno 2018, in quanto, a seguito dell’emanazione di nuove normative in materia, le competenze in tema di politiche del lavoro, sono state attribuite alla Regione Puglia. La Regione Puglia, da parte sua, ha inteso, al fine di gestire le politiche attive del lavoro, costituire una propria Agenzia denominata “Arpal”, alla quale sono state trasferite le competenze, un tempo facenti capo alle Province, le risorse umane e le risorse finanziarie.

A seguito delle conseguenze economiche dell'emergenza sanitaria COVID 19, si prevede che nei prossimi mesi ci sia una maggiore affluenza di utenza negli Uffici periferici denominati Centri per l’Impiego, ora di pertinenza della citata agenzia Arpal. Pertanto, si è riscontrata una immediata necessità di assicurare maggiore presenza di personale qualificato che possa far fronte alle richieste di servizi per l’impiego da parte dell'utenza, in presenza. tra l’altro, di aggravate condizioni di carenza di personale e nelle more, comunque, che l’Agenzia espleti le procedure concorsuali.

“Sono molto soddisfatto di aver raggiunto questo obiettivo – ha detto il presidente della Provincia di Brindisi, Riccardo Rossi - che non solo consentirà di migliorare la qualità dei servizi per l'impiego ma consentirà alle risorse umane della società Santa Teresa s.p.a, in house dell'ente, di tornare al lavoro, concorrendo attivamente con le professionalità maturate. Questo già dai prossimi giorni. Ringrazio davvero per questo risultato raggiunto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, il commissario Arpal, Massimo Cassano, il presidente della task force, Leo Caroli, e tutti i soggetti istituzionali intervenuti con il loro fattivo e prezioso contributo”.

Individuata una discarica abusiva di rifiuti dalla Polizia locale della Provincia sulla SP Ceglie M.ca-Martina Franca

Proseguono i controlli del territorio provinciale da parte della Polizia Locale della Provincia di Brindisi tesi verificare, tra le altre cose, il rispetto delle normative in campo ambientale e naturalistico.

Durante l’espletamento di uno di questi controlli, è stata individuata l’ennesima significativa presenza di rifiuti in un area boschiva attigua alla S.P. ex SS 581 Ceglie Messapica (BR) - Martina Franca (TA), in direzione Martina Franca, lato SX, km. 7+500 circa dall’abitato.

               Detti abbandoni, nel sito A (foto), occupano l’intero accesso interno ad una carrabile di penetrazione nell’area boschiva, inibita da una sbarra di ferro. I rifiuti, dal controllo sommario effettuato, sono risultati non pericolosi, costituiti da uno scarico di inerti, di domestici ingombranti da “svuota cantine” e da numerosi sacchi di plastica scura contenenti rifiuti solidi urbani di origine domestica.

               Il sito B (foto), sottostante alla Strada Provinciale, dal controllo sommario effettuato è interessato da rifiuti speciali non pericolosi costituito da numerosi pneumatici usurati integri o a pezzi, “lanciati” dall’alto in piena area boschiva, sul corso di deflusso naturale delle acque piovane a monte.

               È fondamentale sottolineare come i siti interessati dall’abbandono di rifiuti siano posizionati in un’area di estrema rilevanza ambientale e naturalistica, interessando una superficie molto più vasta di bosco. La possibilità che i rifiuti possano essere causa di un incendio del bosco sono concrete, e la situazione risulta di pericolo tenuto conto che parte dei rifiuti risulta occultata nella vegetazione di sottobosco, e che in caso di incendio potrebbe fungere da comburente.

Non è stato possibile procedere all’identificazione del o dei trasgressori dell’abbandono di rifiuti che, pertanto, allo stato sono risultati ignoti. L’Autorità Giudiziaria competente è già stata informata compiutamente, unitamente al Comune di Ceglie Messapica. Quest’ultimo deve ordinare la bonifica del sito.

 

“Patto istituzionale per la sicurezza”. Incontro tra Provincia e Dirigenti scolastici

Presso la sede della Provincia di Brindisi, come precedentemente concordato, si è svolto ieri un secondo incontro tra Amministrazione provinciale, Ufficio Scolastico e dirigenti scolastici delle Scuole superiori di competenza provinciale, nel rispetto delle norme antiCovid del distanziamento interpersonale e dell’uso della mascherina, a titolo di prosieguo della riunione tenutasi la scorsa settimana per definire un percorso condiviso e idoneo a programmare gli interventi di messa in sicurezza delle scuole, in ordine alle misure da adottare per la prevenzione e la sicurezza di studenti e personale docente e scolastico.All’ordine del giorno della riunione odierna alcune variazioni che sono state apportate allo schema del “Patto istituzionale” tra Provincia e Scuola. In particolare, si sono approfondite le seguenti tematiche:

- riparto delle risorse in disponibilità dell’Ente, che avverrà in base agli stessi criteri utilizzati dal Governo. Per ogni scuola, la Provincia stanzierà un contributo in proporzione al numero degli alunni;

- trasporto pubblico degli studenti dopo che la STP, l’azienda che cura il servizio di trasporto sul territorio provinciale che ha partecipato all’incontro con un proprio rappresentante, ha evidenziato la necessità di organizzare l'ingresso a scuola, a partire dal mese di settembre, istituendo due turnazioni di ingresso e di uscita;

- costituzione dell'ufficio del “Mobility manager”, cioè di una struttura che si preoccupi di coordinare il sistema del trasporto scolastico, anche a prescindere dall'attuale situazione emergenziale, cui parteciperanno anche rappresentanti del mondo della scuola;

- necessità di concordare i progetti di edilizia scolastica leggera e di fornitura arredo anticovid 19 in modo tale da garantire l'apertura in sicurezza delle scuole  per il 24 settembre;

- stanziamento possibile, in favore della Provincia di Brindisi, di ulteriori fondi per l'edilizia scolastica, oltre i 750 mila euro già a disposizione, che saranno prontamente utilizzati a favore delle scuole superiori di competenza.

All’incontro erano presenti il vicepresidente della Provincia, Giuseppe Pace, il Segretario generale, Maurizio Moscara, la Dirigente Affari Generali, Fernanda Prete, i funzionari P.O. dell’Ufficio Tecnico, competenti per l’Edilizia Scolastica, Giovanni Camassa e Sebastiano Palazzo, nonché il funzionario ai Trasporti, Piero Vitale.

“Consapevoli delle numerose difficoltà – ha dichiarato il vicepresidente della Provincia. Giuseppe Pace - stiamo lavorando per assicurare la ripresa delle attività didattiche nelle migliori condizioni possibili. Siamo grati all’Ufficio scolastico provinciale e ai dirigenti scolastici che con spirito di abnegazione stanno collaborando con il nostro Segretario generale, dott. Maurizio Moscara, e lo staff tecnico della Provincia per la necessaria ottimizzazione delle risorse. Grazie  a tale sinergia ci proponiamo di ridurre al minimo i tempi della burocrazia”.