Provincia di Brindisi Logo

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il Presidente Ferrarese chiede le dimissioni del Presidente dell'UPI

FERRARESE AL PRESIDENTE DELL’UPI: “DIMETTITI”

CHIESTA LA CONVOCAZIONE STRAORDINARIA DELL’ASSEMBLEA NAZIONALE

A seguito delle determinazioni che il Governo si appresta ad assumere in relazione al futuro delle Province, il Presidente della Provincia di Brindisi Massimo Ferrarese ha inviato una lettera al Presidente nazionale dell’Unione delle Province Italiane, on. Giuseppe Castiglione, di cui si trasmette il contenuto:

 

Caro Presidente,

è accaduto quello che temevo: le Province sono finite nel mirino del Governo nel tentativo di ridurre la spesa pubblica, ritenendo incredibilmente proprio la Provincia un Ente inutile.

Non devo ricordare a te l’importanza strategica degli enti che presiediamo. In particolare, in questi ultimi anni, in considerazione del trasferimento di molte competenze dalle Regioni, le Province hanno assunto una rilevanza strategica come ente di “Area vasta”. Tutto questo rischia oggi di essere cancellato, con l’aggravante che proprio da parte dell’UPI, da te rappresentata, non è mai stata smentita in modo energico la presunta inutilità di questi Enti. Da mesi assistiamo ad esternazioni relative a risparmi di miliardi di euro che deriverebbero dalla cancellazione delle Province.

Il tutto, senza che la struttura da te presieduta abbia mai fatto giustizia in modo energico sulla situazione reale. In particolare, avresti dovuto sin dal primo momento (senza farti “consumare” dagli eventi) ristabilire chiarezza sulle cifre riguardanti i costi effettivi delle Province che risultano irrisori rispetto ad altri enti.

Avresti dovuto sottolineare la verità, e cioè che un consigliere provinciale a conti fatti percepisce circa un migliaio di euro e cioè meno del 5% dello stipendio (compresi costi pensionistici e benefit) di un parlamentare o di un consigliere regionale.

Ed invece circolano da anni cifre  false e volutamente gonfiate.

Avresti dovuto, inoltre, fare giustizia del ruolo ormai fondamentale che le Province occupano in settori vitali per le nostre comunità. Un esempio su tutti: l’ambiente che ci vede oggi come principale, se non unico, baluardo a difesa della salute dei cittadini e della tutela del territorio.

Avresti dovuto, piuttosto, far rilevare che oggi le Province sono perfettamente in grado di assumere responsabilità gestionali dirette che sono tuttora demandate ad enti e strutture (Ato, Gal, Consorzi, aziende speciali) estremamente costosi e che aggravano notevolmente i tempi della burocrazia.

Avresti dovuto far comprendere che sarebbe bastato questo per risparmiare miliardi di euro. E adesso, alla luce di quanto sta accadendo, magari sulla scorta di quello che molto efficacemente è riuscito a fare l’ANCI a tutela dei Comuni, avresti dovuto far sentire la nostra protesta.

Avresti dovuto dire che ci sono presidenti che lavorano dalla mattina alla sera e che hanno risanato un ente che oggi è efficiente e sempre più vicino ai cittadini. Una esperienza che forse tu non hai avuto il tempo di vivere, preso dai tuoi innumerevoli impegni politici e istituzionali.

Avresti dovuto spiegare che i 65.000 dipendenti delle Province rimarrebbero comunque tutti al loro posto.

Avresti dovuto dire, in sostanza, che abolendo le Province non si risparmia nulla, ma si aumenta il neocentralismo regionale, aggravando soltanto la distanza tra i cittadini e i piccoli e medi Comuni che perderanno una interlocuzione efficace da noi oggi rappresentata.

Avresti dovuto dire che senza le Province vigerà la legge del più forte e i cittadini saranno sempre più penalizzati.

Per tutto questo ritengo che tu debba fare un passo indietro, consentendo all’UPI di essere rappresentata, in una fase così delicata, da un Presidente in grado di far sentire la nostra voce e di evidenziare l’assurdità delle decisioni che vorrebbero assumere.

Ti chiedo, pertanto, di convocare “ad horas” l’assemblea straordinaria nazionale dell’UPI e in quella sede di presentarti dimissionario.

Massimo Ferrarese

 

Brindisi, 31 agosto 2011

Segnalazioni di illecito WHISTLEBLOWING Provincia di Brindisi
Responsabile della protezione dei Dati Personali
Amministrazione trasparente: logo Repubblica Italiana su bandiera nazionale.
Bussola della trasparenza logo
              

 

Scorcio porto di Brindisi

 

| Privacy | Note legali | Cookie Policy | Accessibilità | PEC |

Provincia di Brindisi - Via De Leo, 3 - 72100 Brindisi
C.F. 80001390741 - P.I. 00184540748
 Copyright © 2019 Provincia di Brindisi. Tutti i diritti riservati.