Provincia di Brindisi Logo

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Masserie didattiche, un gruppo di imprenditori agricoli in visita alle fattorie didattiche dell'Emilia Romagna.

Un gruppo di imprenditori agricoli della terra di Brindisi dal 27 febbraio al 1 marzo è in visita presso le fattorie didattiche e sociali dell’Emilia Romagna, accompagnati dall’assessore alle Attività Produttive della Provincia di Brindisi Maurizio Bruno e il consigliere provinciale Vincenzo Putignano. Questo viaggio di conoscenza fa seguito al Corso di Formazione per operatori delle masserie didattiche organizzato dal Servizio alle Attività Produttive della Provincia di Brindisi.

Le masserie didattiche sono state recentemente disciplinate da un’apposita legge che la Regione Puglia ha varato nel 2008. Essa impone, per l’iscrizione all’albo regionale, di conseguire uno specifico attestato di qualifica. A fornire tale importante opportunità agli imprenditori agricoli che desiderano affacciarsi a questo affascinante mondo è stata la Provincia di Brindisi.

Si tratta della prima esperienza in tutto il panorama regionale che ha coinvolto 22 aziende agricole interessate a fare della didattica un punto di forza della propria attività imprenditoriale. Il percorso formativo, avviato a novembre, si è svolto presso le diverse masserie del brindisino, che in tal modo hanno avuto un’occasione per conoscersi e stabilire una fitta rete di rapporti, utili a costruire un’offerta didattica coordinata su tutto il territorio.

Lo stage nelle fattorie didattiche e sociali dell’Emilia Romagna ha permesso ai nostri operatori di accostarsi alle buone pratiche in atto in questa regione, che vanta un’antica tradizione in merito.

Gli imprenditori hanno incontrato i responsabili della cooperativa sociale “L’orto” di Minerbio in provincia di Bologna, impegnati in progetti di cooperazione connessi all’inserimento lavorativo di soggetti con disagi sociali, mentre nell’azienda agricola “BioPastoreria” nella provincia di Ferrara hanno preso parte a percorsi didattici imperniati sulla lettura del “paesaggio culturale” legato al fiume Po. Presso l’azienda “Podere Santa Croce” di Andrea Cenacchi sono stati esaminati progetti didattici a carattere collettivo - basati sul mutuo scambio - che coinvolgono una pluralità di soggetti impegnati a tutelare vecchie varietà coltivate.

Nella cooperativa Dulcamara, realtà ispirata al mangiar sano e “pulito” che ha scommesso sulla sostenibilità economica del lavoro dei soci, i corsisti sono stati coinvolti nel laboratorio di recupero della lana per la produzione del feltro. Le aziende visitate trovano grande consenso tra la comunità, i turisti e le numerose scolaresche facendo registrare il maggior numero di visite nell’intera regione.

Ad accogliere la delegazione brindisina, numerosi rappresentanti delle istituzioni dell’Emilia Romagna, tra i quali l’assessore regionale all’Agricoltura Tiberio Rabboni, l’assessore al Turismo della Provincia di Ferrara Davide Bellotti, fino ai dirigenti della Scuola Alberghiera e Agraria “Vergani” di Ferrara. Tutti gli operatori sono stati ospitati a Bologna da Lucio Cavazzoni presidente di Alce Nero, un’importante gruppo europeo di agricoltori biologici che ha già intense collaborazioni con agricoltori pugliesi per la produzione di pasta di grano duro, vino, olio e pomodoro ottenuti con metodi da agricoltura biologica. Anche a questo incontro non ha fatto mancare la sua presenza l’assessore regionale all’agricoltura Tiberio Rabboni, che si è trattenuto tutta la serata con gli operatori delle masserie didattiche della provincia di Brindisi.

“Queste interlocuzioni – dichiara l’assessore Bruno- hanno aperto la possibilità  di  definire prossime collaborazioni tra agricoltori, studenti, ristoratori delle due province nel settore eno-gastronimico e didattico, che possono innescare processi virtuosi di sviluppo locale. Questa esperienza in Emilia-Romagna, che ha riscosso grande apprezzamento dai nostri imprenditori, si è rivelata un preziosa occasione per comprendere le potenzialità che dispone il nostro territorio in termini di cultura e storia millenaria e per incentivare la nascita di una rete di aziende in grado di offrire servizi didattici qualificati in favore della comunità locale, dei tanti visitatori che desiderano conoscere gli aspetti più autentici del territorio oltre che al mondo della scuola”.

Segnalazioni di illecito WHISTLEBLOWING Provincia di Brindisi
Responsabile della protezione dei Dati Personali
Amministrazione trasparente: logo Repubblica Italiana su bandiera nazionale.
Bussola della trasparenza logo
              

 

Scorcio porto di Brindisi

 

| Privacy | Note legali | Cookie Policy | Accessibilità | PEC |

Provincia di Brindisi - Via De Leo, 3 - 72100 Brindisi
C.F. 80001390741 - P.I. 00184540748
 Copyright © 2019 Provincia di Brindisi. Tutti i diritti riservati.