Gare e appalti fino al 30 giugno 2012

Risposta a quesito: Istituto Tecnico Industriale di stato “G. Giorgi” di Brindisi – interventi urgenti finalizzati alla prevenzione e riduzione del rischio connesso alla vulnerabilità degli elementi, anche non strutturali.

Istituto Tecnico Industriale di stato “G. Giorgi” di Brindisi – interventi urgenti finalizzati alla prevenzione e riduzione del rischio connesso alla vulnerabilità degli elementi, anche non strutturali.
Delibera CIPE 32/2010. CUP: I186E10000430001. CIG: 3666202598..

QUESITO:

Se come stabilito dall’Autorità dei Lavori Pubblici con determinazione n. 8/2002 può essere consentita la partecipazione ai concorrenti in possesso della categoria OG1 “Edifici civili e industriali” classifica I per la gara d’appalto di cui in oggetto.

RISPOSTA:

Nella citata determinazione dell’Autorità per la Vigilanza sui Lavori Pubblici (oggi AVCP), in risposta a richieste di chiarimenti in merito, viene effettivamente stabilito che nel caso di bandi di gara per opere rientranti nella categoria OG1 ma con categoria prevalente OS6, come nel caso di cui in oggetto, sia possibile la partecipazione anche di imprese qualificate nella categoria generale OG1.

Tuttavia, come evidenziato dalla stessa determinazione, “Al fine di evitare contestazioni, è necessario, però che tale possibilità sia prevista dal bando…”. Tale possibilità va quindi esplicitamente indicata sul bando e non può essere applicata solo in base ad una sorta di principio di assorbenza da parte della categoria generale rispetto a quella specialistica, come chiarito nella prima parte della citata risposta dell’Autorità.

Pertanto, poiché il bando di gara per l’affidamento dei lavori di cui in oggetto non prevedeva l’ammissibilità alla gara anche di imprese qualificate nella categoria generale OG1, la risposta al quesito risulta negativa, fatto salvo quanto previsto all’art. 90 del DPR 207/2010.

Il Centro Elaborazione Dati, che legge per conoscenza, è invitato a provvedere alla pubblicazione, in forma anonima, del presente parere sul sito internet di questa Provincia.

 

IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Dott. arch. Pietro CALABRESE

V.to IL DIRIGENTE
Dott. ing. Sergio M. RINI

 

Scorcio porto di Brindisi

 

| Privacy | Note legali | Cookie Policy | Accessibilità | PEC |

Provincia di Brindisi - Via De Leo, 3 - 72100 Brindisi
C.F. 80001390741 - P.I. 00184540748
 Copyright © 2020 Provincia di Brindisi. Tutti i diritti riservati.