Violazioni ambientali. In avvio un sistema di videosorveglianza con 50 fototrappole gestito dalla Polizia Locale della Provincia di Brindisi

Con Determinazione n. 32 del 22/01/2021, AGER (Agenzia di Gestione dei Rifiuti della Regione Puglia) ha pubblicato la graduatoria definitiva degli Enti Locali ammessi alla fornitura gratuita di fototrappole per la sorveglianza delle violazioni ambientali. La Provincia di Brindisi è inserita in posizione utile e le sarà riconosciuta la fornitura di ben 50 fototrappole; pertanto, a seguito di assegnazione, l’Ente predisporrà un sistema di videosorveglianza in ambito extra urbano, lungo tutta la rete viaria provinciale, finalizzato a:

  • prevenire fatti criminosi attraverso un'azione di deterrenza che la presenza di telecamere è in grado di esercitare;
  • sorvegliare in presa diretta zone che di volta in volta presentano particolari elementi di criticità o in concomitanza di eventi rilevanti per l'ordine e la sicurezza pubblica;
  • favorire la repressione degli stessi fatti criminosi qualora avvengano nelle zone controllate dalle telecamere ricorrendo alle informazioni che il sistema sarà in grado di fornire e rassicurare i cittadini attraverso una chiara comunicazione sulle zone sorvegliate;
  • ridurre considerevolmente gli abbandoni di rifiuti sulle strade provinciali ed in ambito extraurbano;
  • utilizzare gli introiti delle sanzioni ambientali che saranno prioritariamente destinati in attività di riqualificazione ambientale e di irrobustimento del sistema di prevenzione con ulteriori apparati tecnologici.

Il sistema di videosorveglianza sarà gestito dalla Polizia Locale della Provincia di Brindisi; infatti, le riprese filmate di videosorveglianza e l'estrapolazione dei fotogrammi potranno essere utilizzati anche ai fini dell'accertamento degli illeciti ambientali che potranno riguardare le violazioni contemplate nel Testo Unico Ambientale, D.Lgs. 152/ 2006, (utilizzo abusivo di aree impiegate come discariche di materiali e di sostanze pericolose con riflessi penali e/o amministrativi a seconda delle norme violate e delle relative sanzioni stabilite: artt. 256, 255).

Celebrazione del “Giorno della Memoria”

Giorno della Memoria - 27   gennaio 2021.jpgIl Salone di Rappresentanza della Provincia di Brindisi è stata questa mattina la cornice suggestiva, nel rispetto delle misure previste dalle disposizioni sul distanziamento sociale e delle indicazioni fornite dal DPCM del 14 gennaio 2021, della celebrazione del “Giorno della Memoria”, manifestazione programmata, nello specifico, dalla Prefettura di Brindisi, in ricordo delle persecuzioni del popolo ebraico e dello sterminio nei campi nazisti dei deportati militari e civili italiani.

Sono intervenuti il Prefetto di Brindisi, dott.ssa Carolina Bellantoni, il presidente della Provincia e sindaco di Brindisi, ing. Riccardo Rossi, i sindaci di Oria, Maria Lucia Carone, e di San Michele Salentino, Giovanni Allegrini, le autorità civili e militari del territorio e il rappresentante della Consulta degli studenti.

Leggi tutto: Celebrazione del “Giorno della Memoria”

Incontro con i dirigenti scolastici degli istituti superiori per la campagna di screening anticovid

Si è svolto in data odierna un incontro tra la Provincia di Brindisi e i dirigenti scolastici degli istituti superiori. Oggetto della riunione l'ipotesi avanzata dall'Amministrazione provinciale di avviare una campagna di screening anticovid su tutta la popolazione studentesca, sul personale scolastico e sul corpo docente mediante test antigenico rapido.

"La riunione è stata proficua - ha dichiarato la Consigliera provinciale delegata Valentina Fanigliulo  – perché ha riscosso il consenso dei dirigenti di tutte le scuole interessate che hanno aderito con entusiasmo all'iniziativa. E chiaro che l’efficacia della campagna è legata alla possibilità di intervento dell'ASL nella fornitura degli appositi kit, ma ci incoraggia molto la piena disponibilità a collaborare già manifestata dalle autorità sanitarie, almeno in questa fase. Il confronto proseguirà ora con i sindaci dei vari Comuni per verificare la presenza di personale sanitario volontario in loco da mettere a disposizione nei giorni in cui si attiverà la campagna”.

Assegnazione fondi alle scuole di competenza provinciale per spese di funzionamento amministrativo e didattico

Con decreto del presidente Riccardo Rossi, la Provincia di Brindisi, nell’ottica della vigente normativa ed ispirandosi al principio della sussidiarietà, nonché al criterio della responsabile autonomia della gestione in attuazione del piano provinciale di dimensionamento scolastico, ha approvato, anche per l’anno scolastico 2020/2021, esercizio finanziario 2020, l’assegnazione del fondo complessivo di 180.000 euro alle scuole di competenza provinciale (istituzioni superiori di II grado) per il funzionamento amministrativo e didattico, ripartito con quota pro capite per studente di € 4,84939 e per classe di € 104,5296. In totale, come risultante dai dati del Sistema Informativo del MIUR aggiornati al 3 dicembre 2020, si tratta di n. 18.559 alunni iscritti e n. 861 classi.

Sarà ogni istituto scolastico a curare l’amministrazione dei fondi (scelta delle ditte che dovranno eseguire i lavori e le forniture, ecc.), nell’intesa che la spesa deve riguardare, prioritariamente e fondamentalmente, le seguenti voci:

  1. Spese per interventi di manutenzione ordinaria:

▪ ripristini murari di piccola entità;

▪ tinteggiatura dei locali;

▪ piccole riparazioni di falegnameria (banchi, sedie, sostituzione di vetri, serrature, ecc.);

▪ piccole riparazioni idrauliche (sostituzione rubinetti, sturamenti di condutture, ecc.);

▪ riparazioni e sostituzione di parti elettriche (lampade, interruttori, prese elettriche, ecc.).

  1. b) Spese varie di ufficio:

▪ spese di cancelleria;

▪ spese per la vigilanza degli edifici;

▪ acquisto di attrezzature e di software non a uso specificatamente didattico.

  1. c) Spese telefoniche, nei limiti del tetto massimo previsto di 1/4 dell’intero budget;

Facoltà di Medicina e Chirurgia. “Approvazione Ordine del giorno, presentato dal Vice Presidente della Provincia, Dr. Giuseppe Pace, a favore dell’insegnamento universitario medico a Brindisi”.

Il consiglio provinciale di Brindisi, nella convocazione di lunedì 28 dicembre, ha approvato un ordine del giorno presentato dal vicepresidente, dr. Giuseppe Pace, a sostegno della proposta di istituzione della facoltà di Medicina e Chirurgia presso l’Università del Salento. L’ordine del giorno, nello specifico, riguarda l’insegnamento universitario medico a Brindisi per una maggiore efficacia del percorso di sanità territoriale extra-ospedaliera.

“Può essere questa – ha detto il vicepresidente della Provincia, Giuseppe Paceuna opportunità per la valorizzazione delle risorse professionali e strutturali del nostro territorio, per la crescita dei nostri giovani, futuri professionisti, per il miglioramento della qualità assistenziale, per lo sviluppo delle aziende impegnate nella ricerca ed assistenza sanitaria,”.

Di seguito il testo integrale dell’ordine del giorno

Premesso che l’Università del Salento ha proposto agli organi competenti l’istituzione di un corso di laurea in Medicina e Chirurgia, denominato MED TEC, con l’obiettivo di formare professionalità capaci di coniugare competenze mediche ed ingegneristiche;

CHE le motivazioni più profonde attengono al miglioramento del sistema sanitario regionale e, di riflesso, al miglioramento del benessere delle nostre comunità locali;

CHE la ricerca e la formazione costituiscono un valore aggiunto che incide positivamente sullo sviluppo delle competenze già presenti sul territorio e impatta in modo concreto sulla valorizzazione delle nuove generazioni;

CONSIDERATO che un corso di formazione medico come quello proposto dall’UniSalento permetterebbe a molti giovani delle province di Brindisi e Lecce di svolgere in loco la loro formazione universitaria e post universitaria, con evidenti vantaggi in termini di preservazione del reddito familiare;

CHE un polo universitario medico nelle province di Brindisi e Lecce potrebbe diventare elemento di attrazione per le circa 15.000 persone che ogni anno ricorrono a cure mediche in altri regioni del nostro Paese (mobilità sanitaria passiva);

CHE l’istituzione di tale percorso formativo consentirebbe il coinvolgimento dell’0Asl di Brindisi con l’Ospedale “Perrino” nonché delle realtà industriali (farmaceutiche) di ricerca (Cittadella della Ricerca di Brindisi) e di formazione (CIASU - Centro Alti Studi Universitari), già presenti sul territorio della provincia di Brindisi;

PRESO ATTO che la proposta di iniziativa ha riscontrato, tra gli altri, l’adesione dei seguenti enti, associazioni e sindacati

 

TUTTO CIO’ PREMESSO E CONSIDERATO

 

IL CONSIGLIO PROVINCIALE

 

Impegna il Presidente della Provincia di porre in essere tutte le azioni idonee a sostenere la proposta di istituzione di un corso di laurea di Medicina e Chirurgia, denominato MED-TEC, anche nel territorio provinciale brindisino, mettendo a disposizione a tal fine le proprie risorse strutturali utili al compimento del percorso formativo

 

Brindisi, 29 dicembre 2020

Avvio anno scolastico 2020-2021. Incontro tra Provincia, Società Trasporti Pubblici locale e Dirigenti scolastici degli Istituti superiori del territorio

         Si è svolto questa mattina, presso il Salone di Rappresentanza della Provincia di Brindisi, un ulteriore incontro tra la struttura amministrativa dell’Ente, che ha competenza per le Scuole secondarie di Secondo grado del territorio, i vari Dirigenti scolastici degli istituti superiori e la dirigenza della Società Trasporti Pubblici locale. Scopo della riunione è stato quello di fare il punto dello stato dell’arte in merito alla pianificazione e alla programmazione step by step del servizio di trasporto degli studenti, raccogliendo altre indicazioni dai dirigenti scolastici in merito all’orario di entrata e di uscita degli studenti e alla durata delle lezioni dei singoli istituti, in virtù dell’emergenza sanitaria da Covid 19 ancora in atto.

         “Da qualche giorno – ha detto il presidente della Provincia di Brindisi, Riccardo Rossi - sono state rese note le linee guida emanate dal Governo in merito all’organizzazione del servizio di trasporto degli studenti, prevedendo l’’80% della capienza di ogni singolo autobus. Partendo da questo dato dobbiamo trovare, in accordo tra i soggetti interessati, le migliori condizioni e le più idonee soluzioni in merito al trasporto degli studenti nelle varie scuole del nostro territorio. Tutti in Dirigenti scolastici si sono dimostrati favorevoli nel differenziare gli orari di ingresso con una percentuale di studenti alle ore 8.00 e la parte rimanente alle ore 9.00. Uguale differenziazione ci sarà per gli orari di uscita. C’è inoltre una parte della scuola che si sta organizzando con la didattica a distanza per circa il 15-20% dell’utenza, ovviamente a rotazione. Metteremo insieme tutti questi dati per stilare una pianificazione quanto più efficace possibile per garantire già dal 24 settembre una mobilità efficiente per il trasporto locale degli studenti”.

         All’incontro era anche presente la consigliera provinciale delegata, Valentina Nadia Fanigliulo. “Pur nella complessità oggettiva del momento - ha detto la consigliera Fanigliulo – la Provincia di Brindisi e tutti i soggetti interessati si stanno adoperando al massimo per venire incontro ad ogni tipo di esigenza. Auspico che si arrivi presto ad una soluzione congiunta e celere e ho notato, proprio per questo, che c’è collaborazione da parte di tutti per mettere sul tavolo delle soluzioni in grado di garantire la sicurezza tutti i ragazzi”.

Nei prossimi giorni sarà convocato un altro incontro per raccogliere le indicazioni definitive sia da parte dei Dirigenti scolastici che da parte delle Aziende dei trasporti pubblici locali, STP e Sud Est, in merito alla differenziazione delle fasce orarie di partenza degli autobus.

Mostra fasanese dell’Artigianato. La Provincia di Brindisi presente al Convegno su “Artigianato nell’era Covid 19. Realtà e prospettive”

Il Presidente della Provincia di Brindisi, Riccardo Rossi, e il vicepresidente Giuseppe Pace parteciperanno venerdì 21 agosto al convegno su “Artigianato nell’era Covid 19. Realtà e prospettive”, in programma alle ore 18.30 presso il Palazzo dei Congressi della Selva di Fasano. L’evento si inserisce nell’ambito della “Mostra fasanese dell’artigianato” organizzata dal Comune di Fasano e giunta quest’anno al prestigioso traguardo della cinquantesima edizione.

Il programma del convegno prevede l’introduzione di Giuseppe Pace, vicepresidente della Provincia e consigliere comunale di Fasano, che focalizzerà le tematiche principali dell’incontro, partendo dallo stato dell’arte dell’artigianato in Puglia, un segmento importante e trainante dell’economia locale, in particolare nel territorio di Brindisi, per poi analizzarne gli elementi di forza da cui ripartire nell’era post Covid 19. “D’altra parte – ha dichiarato Pace – abbiamo la precisa volontà di creare una rete quanto mai necessaria per valorizzare le imprese artigiane dell'intero territorio provinciale. Non a caso questa mostra dalle antiche e gloriose origini nota col nome di ‘Mostra dell'artigianato Fasanese’, per scelta dell’attuale amministrazione comunale, da qualche anno ha preso il nome di ‘Mostra fasanese dell'artigianato’. L'obiettivo  è il coinvolgimento di altre realtà produttive in un percorso di crescita comune. In tal senso si inserisce l'impegno della Provincia di Brindisi, che, nonostante questa lunga fase di incertezza istituzionale, non può e non deve rinunciare al proprio ruolo di coordinamento e promozione dello sviluppo”. 

A seguire, il palinsesto della manifestazione prevede i saluti istituzionali del presidente della Provincia, Riccardo Rossi, del sindaco di Fasano, Francesco Zaccaria, dell’assessore alle Attività produttive del Comune di Fasano, Luana Amati, e di Alfonso Belfiore, presidente dell’associazione “U’Méstre”.

Interverranno poi Pietro Pugliese, coordinatore organismo paritetico dell’artigianato pugliese, che relazionerà su “Il protocollo Covid e gli ammortizzatori sociali nel settore dell’artigianato”, Michele Carriero, per la CNA Servizi Brindisi srl, che relazionerà su “Strumenti agevolativi per combattere la crisi dell’artigianato. Gli interventi minori”, e l’architetto Antonello Carrieri che parlerà su “Dai distretti produttivi alle reti di impresa”.

Le conclusioni saranno affidate a Domenico Laforgia, direttore del Dipartimento sviluppo economico, Innovazione, Formazione e Lavoro della Regione Puglia, e fabiano Amati, Consigliere regionale e presidente della Commissione regionale Bilancio.

 

Proroga presentazione autocertificazione impianti termici

A seguito delle richieste pervenute dalle associazioni di categoria degli installatori/manutentori riferite alla proroga dei termini per la presentazione delle autocertificazioni degli impianti termici ed altri impianti di climatizzazione relativi all’attuale campagna 2018-2019 con scadenza il 31 Luglio p.v. e, in considerazione dello stato di emergenza sanitaria nazionale dichiarato dal Governo, la Provincia di Brindisi comunica che il termine per la presentazione delle autocertificazioni è differito al 31 Ottobre 2020, al fine di consentire ai tecnici manutentori la copertura totale degli utenti titolari/responsabili degli impianti.

Brindisi, 31 luglio 2020

Mercato del Lavoro. Sottoscritto a Bari l’accordo tra Provincia di Brindisi e ARPAL per centri impiego del territorio provinciale

Sottoscritto nel pomeriggio, a Bari, l’accordo tra Arpal, l’Agenzia regionale per le politiche attive del lavoro, e la Provincia di Brindisi per il potenziamento dei centri impiego del territorio provinciale. Presenti il presidente della Provincia di Brindisi, Riccardo Rossi, il Commissario dell’ARPAL, Massimo Cassano, e il presidente della task force regionale per il Mercato del Lavoro, Leo Caroli. Hanno partecipato in videoconferenza anche il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e le organizzazioni sindacali. Lo schema di accordo di collaborazione prevede la gestione dei Centri per l’Impiego della provincia di Brindisi, mediante affidamento diretto delle attività, alla Società in house Santa Teresa S.p.A, attraverso risorse finanziarie del bilancio Arpal.

Negli ultimi dodici anni, per sopperire alla carenza di personale, i servizi di assistenza tecnica ed amministrativa dei Centri per l’Impiego della Provincia di Brindisi sono stati svolti dal personale in carico alla stessa Società Santa Teresa SPA. Il tutto sino al 30 giugno 2018, in quanto, a seguito dell’emanazione di nuove normative in materia, le competenze in tema di politiche del lavoro, sono state attribuite alla Regione Puglia. La Regione Puglia, da parte sua, ha inteso, al fine di gestire le politiche attive del lavoro, costituire una propria Agenzia denominata “Arpal”, alla quale sono state trasferite le competenze, un tempo facenti capo alle Province, le risorse umane e le risorse finanziarie.

A seguito delle conseguenze economiche dell'emergenza sanitaria COVID 19, si prevede che nei prossimi mesi ci sia una maggiore affluenza di utenza negli Uffici periferici denominati Centri per l’Impiego, ora di pertinenza della citata agenzia Arpal. Pertanto, si è riscontrata una immediata necessità di assicurare maggiore presenza di personale qualificato che possa far fronte alle richieste di servizi per l’impiego da parte dell'utenza, in presenza. tra l’altro, di aggravate condizioni di carenza di personale e nelle more, comunque, che l’Agenzia espleti le procedure concorsuali.

“Sono molto soddisfatto di aver raggiunto questo obiettivo – ha detto il presidente della Provincia di Brindisi, Riccardo Rossi - che non solo consentirà di migliorare la qualità dei servizi per l'impiego ma consentirà alle risorse umane della società Santa Teresa s.p.a, in house dell'ente, di tornare al lavoro, concorrendo attivamente con le professionalità maturate. Questo già dai prossimi giorni. Ringrazio davvero per questo risultato raggiunto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, il commissario Arpal, Massimo Cassano, il presidente della task force, Leo Caroli, e tutti i soggetti istituzionali intervenuti con il loro fattivo e prezioso contributo”.